WTCR: Cyan Racing sospende la partecipazione al campionato

riproduzione riservata

A causa di problemi di gomme e di Balance of Performance, la squadra svedese ha deciso di ritirarsi per questioni di sicurezza

Clamoroso colpo di scena alla vigilia della WTCR Race of Alsace. A causa di evidenti problemi relativi alle gomme ed al Balance of Performance, il team Cyan Racing ha interrotto con effetto immediato la partecipazione al resto della stagione del Mondiale Turismo. Un forfait dovuto a questioni di sicurezza che la squadra svedese non è riuscita a risolvere sulle Lynk & Co.

Un problema, quello delle gomme, che è stato ricorrente per tutta la stagione 2022, con il nuovo fornitore Goodyear che, secondo quanto riportato da Cyan Racing, non avrebbe fornito gomme adatte all’imponente peso delle vetture, dovuto alle aggiunte stabilite dal Balance of Performance mondiale e dal compensation weight della serie.

Le vetture del marchio cinese sono le più pesanti dell’intero lotto sin dalla loro costruzione nel 2019, con 80 kg in più rispetto alla Hyundai Elantra, motivo che ha causato più cedimenti strutturali alle gomme rispetto alle vetture avversarie.

Tuttavia, non solo le Lynk & Co. sono state colpite da problemi alle gomme; infatti già ad inizio stagione la WTCR Race of Germany al Nürburgring fu cancellata proprio per questo motivo, con le vetture cinesi e le Honda (anch’esse tra le più pesanti) che hanno avuto numerosi problemi fin dalle prove libere, costringendo all’annullamento delle due gare in programma.

Anche a Vallelunga la situazione è stata piuttosto drammatica, con numerose vetture che hanno subito cedimenti e delaminazioni degli pneumatici, che ancora una volta hanno colpito soprattutto le Lynk & Co. Il team Cyan Racing ha così deciso di non far correre le vetture cinesi sul tracciato capitolino, e quest’oggi è arrivata la notizia del definitivo abbandono dalla serie, al momento solo per questa stagione, proprio per questi problemi che non hanno trovato una soluzione efficace.

In conclusione, il team Cyan Racing non correrà né in questo fine settimana ad Anneau du Rhin, né nei restanti round ancora da confermare, pertanto le vetture che competeranno nel WTCR rimangono solamente 12 (considerando anche la CUPRA di Dániel Nagy, che dovrebbe rientrare in Francia dopo aver saltato il round di Vallelunga per infortunio).

Fredrik Wahlén, Team Manager: “Quest’anno abbiamo uno pneumatico che non è in grado di gestire il Balance of Performance ed il compensation weight per tutte le auto su tutti i circuiti. E la nostra auto è la più pesante di tutte. Di conseguenza i nostri piloti sono soggetti a guasti agli pneumatici ad alte velocità ed incidenti. Semplicemente non è possibile per Cyan Racing continuare la stagione in modo sicuro. È la decisione più difficile che abbiamo mai preso, poiché ogni singolo membro di Cyan Racing è qui per vincere ed ha sacrificato molte cose per arrivare dove siamo oggi. Ma non possiamo correre in modo sicuro nelle circostanze attuali e la sicurezza è la nostra priorità numero uno. Desideriamo ringraziare la FIA per il supporto fornito in queste difficili circostanze.

Alexander Murdzevski Schedvin, Capo di Geely Group Motorsport: “È stata una situazione prolungata ed incredibilmente frustrante per la squadra, i piloti, i partner commerciali ed i tifosi, una situazione che ci ha progressivamente spinto fuori dal campionato. Siamo molto grati per gli sforzi della FIA nel cercare di trovare una soluzione. Sfortunatamente lo sforzo congiunto degli stakeholder del WTCR non ha potuto presentare una soluzione soddisfacente per consentire a Cyan Racing di partecipare al WTCR in modo sicuro.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente MotoGP: Orari TV del GP di Gran Bretagna Successivo WSBK: Tom Sykes potrebbe tornare in sella ad una Kawasaki

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.